cbd toothpaste, CBD Toothpaste Might Be Better Than Your Current Brand, Hempotheka

Un nuovo studio che evidenzia la capacità dei cannabinoidi di combattere i batteri nella placca dentale apre le porte al CBD come efficace prodotto per l'igiene orale.

Negli ultimi anni, la mania del CBD - cannabidiolo - uno dei cannabinoidi più popolari e conosciuti della pianta di cannabis, ha portato a un enorme aumento della ricerca sulle sue proprietà mediche. Insieme a questo è arrivato un vortice di articoli che suggeriscono possibili usi al di fuori di ciò che è già stato studiato, con la speranza che la prossima ricerca scientifica scoprirà ancora più modi in cui il CBD può essere utile, anche nella cura dei denti.

Quello che sappiamo già sul CBD

Il CBD è ora spesso considerato un'alternativa preferita ai farmaci farmaceutici quando si tratta di affrontare problemi di sonno, ansia e depressione, ed è oggetto di intensi studi per la sua possibile efficacia nel trattamento di diverse forme di cancro. È stato collegato alla ricerca che indica l'utilità nel trattare problemi di colesterolo alto, stabilizzazione della pressione sanguigna e persino un possibile contendente nella lotta contro il morbo di Alzheimer.

Le sue proprietà patogene per combattere le malattie sono state anche studiate un po 'a questo punto con prove che indicano che è un forte antimicrobico in grado di colpire diversi tipi di agenti infettivi. Naturalmente, quando si tratta di malattie patogene, ci sono circa un milione di posti diversi in cui cercare l'efficacia del CBD.

Malattie patogene - cosa sono?

Pathogenic le malattie sono malattie infettive che provengono da agenti patogeni come batteri, virus e funghi. Quindi, qualsiasi cosa, dal comune raffreddore, alla bronchite batterica, alla tigna, sono tutte malattie patogene. Questi, ovviamente, rappresentano una grande percentuale delle malattie là fuori, e in particolare di quelle diffondibili.

Ogni volta che senti una storia su un nuovo coronavirus - come quello che sta succedendo in questo momento - o l'influenza suina o la peste; si tratta di malattie patogene. Esistono diversi modi per combattere le malattie patogene e spesso nella medicina farmaceutica, ciò che funziona per uno, non funzionerà per un altro, in particolare quando si esaminano i metodi di trattamento necessari per virus vs batteri o anche due virus molto diversi.

Come sempre, è bene ricordare quando si tratta di CBD che non è una medicina farmaceutica, è, in effetti, una medicina naturopatica relativa alla medicina vegetale. Per questo motivo, la struttura chimica è significativamente più complessa rispetto ai farmaci che si basano su composti vegetali, ma generalmente in un modo più semplificato (che è ciò che consente cose come la resistenza agli antibiotici poiché i batteri sono più facilmente in grado di replicare il semplificato struttura).

Quando si ha a che fare con le piante, non è raro che una pianta sia utile in molti trattamenti, si pensi a tutte le applicazioni per le quali il CBD è già stato propagandato. E per questo motivo, vengono costantemente nuove ricerche su nuovi modi di utilizzare il CBD che non erano stati pensati prima.

Panoramica sulla salute dentale

L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) fornisce alcune basi informazione sulla salute dentale mondiale. Una delle prime cose da sapere sulle malattie orali è che in realtà sono le malattie non trasmissibili più comuni (non contagiose) là fuori. In effetti, uno studio sul Global Burden of Disease ha scoperto che letteralmente metà della popolazione mondiale soffre di una sorta di disturbo orale, con la carie che arriva a #1.

Sfortunatamente, le cure dentistiche spesso non sono molto convenienti, lasciando molte persone nel mondo a non ricevere mai ciò di cui hanno bisogno, il che spesso significa vivere la vita nel dolore e nel disagio. Le persone che provengono da contesti socioeconomici più bassi, o paesi più poveri, hanno molte più probabilità di avvertire il divario di disuguaglianza di salute che esiste nella salute dentale. Per questo motivo, avere opzioni migliori e più convenienti per le cure dentistiche di base e la protezione delle malattie orali diventa molto importante.

CBD nella ricerca sulle cure dentistiche

Un nuovo interessante studia è uscito nel gennaio del 2020 che ha studiato l'efficienza del CBD rispetto ai noti prodotti per l'igiene orale nel ridurre la quantità di batteri nella placca dentale, che è responsabile di tutti i tipi di disturbi della bocca come cavità, gengive sanguinanti, carie e perdita dei denti. I sessanta soggetti del test nello studio sono stati suddivisi in sei diverse categorie in base all'indice di screening parodontale olandese. Tutti i partecipanti avevano 18-45 anni.

La metodologia dello studio è stata quella di prelevare la placca dentale da tutti i partecipanti e di distribuire ciascun campione su due piastre di Petri separate, con ciascuna piastra di Petri divisa in quattro parti, creando otto diversi punti per testare ciascun campione.

Le otto cose a confronto per la loro capacità di combattere i batteri nella placca dentale erano: cannabidiolo (CBD), cannabichromene (CBC), cannabinolo (CBN), cannabigerolo (CBG), acido cannabigerolico (CBGA), Oral B, Colgate e Cannabite F (un dentifricio a base di melograno e alghe). Dopo essere stato sigillato e incubato, è stato contato il numero di colonie di batteri. I risultati dello studio hanno dimostrato che i cannabinoidi sono effettivamente più efficaci dei noti prodotti orali come Colgate e Oral B.

Quando si tratta della cura dei denti e della bocca in generale, la maggior parte delle persone acquista i suoi prodotti di farmacia standard che sono abituati a vedere annunci pubblicitari in TV e che probabilmente usano da anni. Alcuni potrebbero persino credere che ciò che usano ogni giorno sia l'opzione migliore là fuori. In effetti, molti prodotti come dentifrici e collutori vengono forniti con le istruzioni consigliate dal dentista, portando a una fiducia ancora maggiore che questi prodotti sono i migliori da usare.

Uno studio come questo indica chiaramente che questo potrebbe benissimo non essere affatto vero, e forse si possono trovare opzioni molto migliori in forme non chimiche, più naturali che hanno la capacità di fare un lavoro migliore.

Più ricerca

Un altro studio di ricerca condotto in precedenza, in 2012, ha esaminato la parodontite indotta (infiammazione delle gengive) nei ratti e il ruolo dell'anandamide endocannabinoide (AEA). Tutti i ratti sono stati esposti allo stress e i risultati sono stati: aumento dei livelli plasmatici di corticosterone, attività locomotoria, peso delle ghiandole surrenali e perdita ossea, nonché minore aumento di peso.

C'era anche un aumento dell'infiammazione del tessuto gengivale (gomma) tra gli altri fattori. Fondamentalmente, tutti i ratti hanno risposto allo stress mostrando diverse forme di attività legate allo stress nei loro corpi. Un'iniezione è stata somministrata localmente di AEA a un gruppo e i risultati hanno mostrato una diminuzione dei livelli plasmatici di corticosterone e il contenuto di alcune citochine (proteine coinvolte nella segnalazione cellulare). "Queste inibizioni indotte dall'AEA sono state mediate dalla CB1 e CB2 recettori dei cannabinoidi. "

I risultati di base hanno mostrato che "L'AEA endocannabinoide riduce la risposta infiammatoria nella parodontite anche durante una situazione stressante." I ratti, dopo aver ricevuto l'iniezione di AEA, hanno mostrato una riduzione di gran parte delle loro risposte allo stress. Questa ricerca implica che dal momento che il CBD interagisce con il CB1 e CB2 recettori dei cannabinoidi, potrebbe essere utile nel trattamento della gengivite - un'infiammazione delle gengive.

Implicazioni positive

Mentre è vero che i prodotti di CBD di alta qualità non sono sempre economici, le proprietà preventive (quando si tratta di molte cose) possono probabilmente superare i costi di gestione dei conseguenti problemi di salute che derivano dal non praticare una buona cura di sé.

A volte questo è perché le persone non sanno cosa fare, a volte le persone semplicemente non hanno la motivazione per fare ciò che dovrebbero, e altri ancora non hanno le risorse disponibili per utilizzare i metodi di assistenza sanitaria preventiva. Se il CBD è effettivamente così efficace nel ridurre i batteri e l'infiammazione in bocca, questo potrebbe essere incredibilmente utile per le persone che non hanno così tanto accesso alle cure dentistiche o che non possono permetterselo.

Fare clic qui per visualizzare la pagina Web originale sul dentifricio al CBD potrebbe essere migliore del marchio attuale, afferma la ricerca

Lascia un commento

it_ITIT
en_GBEN de_DEDE es_ESES fr_FRFR sv_SESE fiFI it_ITIT