, More about CBD – what it is?, Hempotheka

Il CBD, abbreviazione di cannabidiolo, è un ingrediente di tendenza dell'industria dei prodotti naturali ed è al centro di una nuova area di ricerca sulla cannabis. Il CBD è uno dei tanti cannabinoidi, o molecole prodotte in modo univoco dalla famiglia di cannabis. A differenza del tetraidrocannabinolo (THC, il principale elemento psicoattivo nella marijuana), il CBD non è psicoattivo, il che significa che non ha un forte effetto sull'attività cognitiva del cervello e non provoca il "massimo" associato alla marijuana.

Ogni varietà della famiglia di cannabis produce cannabinoidi, compresa la canapa. Mentre il CBD e il THC sono i cannabinoidi più noti, ce ne sono di diversi tipi e solo recentemente sono state investite risorse significative nel loro studio. I nostri cervelli hanno recettori specifici progettati per accettare i cannabinoidi, noti come CB1 e CB2. Questi recettori sono responsabili dell'assimilazione delle molecole di cannabinoidi nel tuo sistema, con conseguente risposta psicoattiva e immunitaria correlata con consumo di cannabis.

Negli ultimi anni, ci sono stati molti progressi nella lavorazione e nei metodi di consumo della cannabis. Prodotti concentrati come olio e colofonia (un prodotto simile alla linfa estratto tramite calore e pressione) hanno permesso di diffondere metodi di ingestione più puliti, come la vaporizzazione. Queste nuove tecnologie hanno portato dosaggi più coerenti e identificabili sia ai pazienti che agli appassionati, consentendo potenzialmente metodi di consumo più sicuri. Infine, sono in corso studi più accurati e dettagliati sugli effetti e sull'uso della cannabis, poiché il divieto continua a essere messo in discussione.

Secondo prove aneddotiche non scientifiche, il CBD è buono per il trattamento di disagi e malattie di ogni tipo. Chi soffre di tutto, dall'ansia e dai dolori all'epilessia e al cancro, sta evangelizzando per la molecola del CBD. Ma lo stato ampiamente proibito della cannabis ha impedito a molti studi accademici a lungo termine rigorosi sulla maggior parte dei cannabinoidi in isolamento, lasciando queste affermazioni aneddotiche per lo più non indagate fino a poco tempo fa.

Ricerca sul CBD

"C'è un grande interesse per i possibili effetti terapeutici del CBD, ma ci sono pochissime prove di efficacia", ha affermato il dott. J Hampton Atkinson, condirettore del Center for Medical Cannabis Research (CMCR) dell'Università di California, San Diego. Il CBD può avere benefici per la salute, ma la mancanza di ricerche in questo settore significa che non ci sono abbastanza punti dati per supportare la maggior parte delle affermazioni aneddotiche. Sulla stessa linea, la mancanza di ricerca significa anche che i potenziali rischi per la salute derivanti dal consumo di CBD non sono chiari.

Tuttavia, ora che la cannabis sta godendo di una rinascita della ricerca attraverso sforzi di legalizzazione, la scienza medica sta acquisendo una prospettiva molto più dettagliata su questa pianta popolare e affascinante. Secondo ClinicalTrials.gov, un database federale di studi clinici accreditati in tutto il mondo, ci sono circa 150 studi in corso che stanno testando il CBD come trattamento per un'ampia varietà di condizioni di salute, tra cui autismo, alcolismo, condizioni della pelle e schizofrenia. Da parte loro, il CMCR sta conducendo studi rigorosi sul CBD per il suo potenziale nel trattamento della schizofrenia e dell'autismo.

Alcune ricerche suggeriscono che il CBD potrebbe ridurre l'ansia e pensieri autoironicie ci sono prove che ha il CBD effetti antipsicotici nelle persone con schizofrenia. Ma altri studi mostrano nessun beneficio significativo del CBD oltre un placebo.

Uno studio clinico del 2017 pubblicato in Il New England Journal of Medicine scoperto che il CBD è stato molto efficace nel ridurre le convulsioni nelle persone con sindrome di Dravet, una rara forma di epilessia. La FDA successivamente ha approvato una soluzione orale di CBD, chiamato Epidiolex, per il trattamento della malattia rara.

All'interno del CMCR, esiste anche "un grande interesse per i possibili effetti anti-infiammatori del CBD, da utilizzare nell'artrite di vari tipi, inclusi ginocchia e mani", ha affermato Atkinson. Recent ricerca in vitro con linee cellulari umane affette da artrite reumatoide ha suggerito che il trattamento con CBD può aiutare a ridurre l'infiammazione.

Atkinson ha sottolineato che “il CBD, come molte altre sostanze, probabilmente dovrebbe esserlo evitato in gravidanza“. Inoltre, poiché il mercato commerciale della cannabis è per lo più non regolamentato, non esiste un buon modo per sapere che ciò che acquisti è in realtà ciò che ottieni in termini di dosaggio o contenuto del prodotto. "Negli studi condotti dallo stato della California sembra che una buona parte dell'etichettatura del prodotto sia errata - la dose o la percentuale di CBD o THC è di solito sopravvalutata", ha detto.

L'osservazione scientifica richiede tempo e la comunità di ricerca ha appena iniziato a perseguire un'indagine scientifica sugli effetti discreti di vari cannabinoidi. Detto questo, molti ricercatori credono che potenziale trasportato dal CBD è promettente.

addizionale risorse:

Fare clic qui per visualizzare la pagina Web originale su What Is CBD?

Lascia un commento

it_ITIT
en_GBEN de_DEDE es_ESES fr_FRFR sv_SESE fiFI it_ITIT